Frigorifero come sistemare gli alimenti

1
2
3
4
5
Comfree HD273FN1WH - FRIGORIFERO DOPPIA PORTA A+ 210LT BIANCO, Senza installazione
Samsung RB29FERNDSA/ES Smart Line Frigorifero Combinato, 290 L, 59.5 x 178 x 67 cm, Argento
Comfee HS121LN1WH Frigotavolo, 472 x 450 x 850 mm, Bianco
Frigorifero doppia-porta bianco DDP29H4 Daya Home Appliances
Hisense RT267D4AD1 Frigorifero Doppia Porta, 205 Litri, 40 Decibel, Silver
Comfree HD273FN1WH - FRIGORIFERO DOPPIA PORTA A+ 210LT BIANCO, Senza installazione
Samsung RB29FERNDSA/ES Smart Line Frigorifero Combinato, 290 L, 59.5 x 178 x 67 cm, Argento
Comfee HS121LN1WH Frigotavolo, 472 x 450 x 850 mm, Bianco
Frigorifero doppia-porta bianco DDP29H4 Daya Home Appliances
Hisense RT267D4AD1 Frigorifero Doppia Porta, 205 Litri, 40 Decibel, Silver
8.8/10
8.4/10
8.2/10
8.2/10
8.2/10
Comfee
Samsung Elettrodomestici
Comfee
Daya Home Appliances
Hisense
Bestseller No. 41
Comfree HD273FN1WH - FRIGORIFERO DOPPIA PORTA A+ 210LT BIANCO, Senza installazione
Comfree HD273FN1WH - FRIGORIFERO DOPPIA PORTA A+ 210LT BIANCO, Senza installazione
Capacità Lorda totale 210 Litri di cui 168 Litri per il frigorifero e 42 per il FreezerCapacità Netta totale 207 Litri di cui 166 Litri per il frigorifero e 41 per il FreezerDimensioni Prodotto: 55x55x143 CM, Peso 45 KG Lordo, 41 KG Netto
8.8/10
Bestseller No. 42
Samsung RB29FERNDSA/ES Smart Line Frigorifero Combinato, 290 L, 59.5 x 178 x 67 cm, Argento
Samsung RB29FERNDSA/ES Smart Line Frigorifero Combinato, 290 L, 59.5 x 178 x 67 cm, Argento
La tecnologia No Frost mantiene costanti i livelli di temperatura e umidità all'interno del...Il sistema All-around Cooling garantisce un freddo uniforme in ogni zona del frigoriferoIl compressore Digital Inverter è dotato di un dispositivo elettronico che permette la modulazione...
8.4/10
OffertaBestseller No. 43
Comfee HS121LN1WH Frigotavolo, 472 x 450 x 850 mm, Bianco
Comfee HS121LN1WH Frigotavolo, 472 x 450 x 850 mm, Bianco
Classe di Efficienza Energetica A+Alimentazione 220-240/50 HzRumorosità 42 (dB(A) re 1pW)
8.2/10
118,65 €100,00 €
Bestseller No. 44
Frigorifero doppia-porta bianco DDP29H4 Daya Home Appliances
Frigorifero doppia-porta bianco DDP29H4 Daya Home Appliances
8.2/10
Bestseller No. 45
Hisense RT267D4AD1 Frigorifero Doppia Porta, 205 Litri, 40 Decibel, Silver
Hisense RT267D4AD1 Frigorifero Doppia Porta, 205 Litri, 40 Decibel, Silver
8.2/10

La conservazione dei cibi all’interno del frigorifero è un argomento molto delicato e di fondamentale importanza per evitare la proliferazione batterica, per mantenere il sapore del cibo inalterato e per evitare la formazione di muffe, botulino e batteri pericolosissimi per la salute umana.

Intanto è bene precisare come prima nozione fondamentale che il frigorifero va posto necessariamente in un ambiente domestico che non supera i 40° C, affinché l’elettrodomestico funzioni sempre correttamente e l’apertura non causi un shock termico di gran lunga superiore a quello che già subisce normalmente attraverso l’utilizzo quotidiano.

 

Porta frigo

Analizzando attentamente le varie corrette posizioni del cibo all’interno del frigorifero, è opportuno precisare che la porta di questo, rappresenta il luogo maggiormente sottoposto a shock termico. Aprendo e chiudendo, la porta è la zona che viene sollecitata dallo sbalzo termico, ancor più della cella frigorifero. Per questa ragione è all’interno della porta che andrebbero posizionati tutti quegli alimenti contenenti ingredienti di difficile deperimento, nei quali sono presenti conservanti naturali o artificiali. Quando si parla di alimenti di questo genere si fa riferimento alle salse di pomodoro come il Ketchup, le conserve di pomodoro, le marmellate ove è presente lo zucchero che costituisce un conservante naturale; succhi di frutta, bevande contenenti acido citrico, maionese che contiene aceto e tutti i condimenti come salse e creme di diverso genere.

Il principio cardine su cui si fonda questa regola è la conservazione del cibo. Essendo la porta maggiormente esposta allo sbalzo termico, è qui che vanno posizionati i cibi ritenuti “più resistenti”, che hanno quindi al loro interno conservanti che contribuiscono a mantenerne inalterate le proprietà. In ragione di questa regola, è opportuno evitare di posizionare superficialmente in questi scompartimenti alimenti freschi quali uova e burro, sebbene è proprio qui che alcuni frigoriferi offrono lo spazio per disporre le uova. Trattandosi di un alimento fresco e particolarmente delicato è bene posizionare questo in un vano del frigorifero che scopriremo proseguendo la lettura dell’articolo.

Vano centrale

E’ proprio qui che andrebbero riposte le uova. In realtà il packing che viene offerto in dotazione con il frigorifero è bene non usarlo, per il semplice motivo che la confezione in cui vengono riposte le uova per la vendita, può essere utile a preservare più a lungo la freschezza delle uova. Trattandosi di un cibo fresco, la cui alterazione può essere veramente pericolosa per il rischio di salmonellosi, è bene prestare attenzione alla sua collocazione in cella frigorifera. La posizione migliore è proprio al centro del vano, dove l’areazione è abbastanza costante e uniforme. Qui al centro, il frigorifero è adatto ad accogliere anche il pesce, il quale se acquistato fresco necessita di essere comunque consumato entro un paio di giorni.

Vano superiore

Il vano superiore rappresenta la zona dove il freddo circola con maggiore efficacia e costanza. Per questo qui si ripongono gli alimenti porosi e delicati,come i latticini, lo yogurt e i formaggi di varia stagionatura. Questa tipologia di alimenti ha la peculiarità di assorbire bene gli odori, per questa ragione non andrebbero mai posizionati nei vani centrali, o peggio inferiori per evitare che assorbano tutti gli odori del cibo presenti nel frigorifero. L’errore peggiore che si possa fare è posizionare tutti i derivati del latte negli scomparti della porta frigo, dove la temperatura oscilla spesso tra quella dell’ambiente esterno e quella del frigorifero. Il rischio deperimento rapido è dietro l’angolo.

Nel vano superiore vanno posizionati anche tutti gli avanzi di cibo. Prima di posizionare latticini e avanzi, questi dovrebbero essere accuratamente confezionati in carta frigo e pellicola alimentare, in modo da mantenere inalterata l’idratazione naturale. Gli avanzi cotti devono invece essere lasciati a raffreddare a temperatura ambiente e posizionati in appositi contenitori chiusi ermeticamente.

Vano inferiore

Questo spazio del frigorifero è spesso  idoneo a conservare correttamente la carne. Si tratta di uno spazio abbastanza freddo; talvolta alcuni frigoriferi presentano un cassetto appositamente realizzato per conservare le carni. E’ sempre bene ricordarsi di lasciare la carne nell’apposita confezione di acquisto. Questa abitudine è necessaria per conservare bene il tasso di umidità e la temperatura ottimale a non alterare la composizione organica della stessa.
I salumi costituiscono un discorso a parte poiché vanno conservati indifferentemente nel vano superiore o inferiore, ma è importante consumarli completamente una volta aperti poiché perdono le proprietà organolettiche una volta posizionate a temperatura ambiente.

Cassetto per i vegetali

Alcuni frigoriferi offrono la possibilità di adoperare due tipologie di cassetti nel vano inferiore; uno per la frutta e l’altro per la verdura. Questa suddivisione è ottimale per conservare il giusto grado di umidità delle due tipologie di cibo. In ogni caso, il vano inferiore del frigorifero è l’unico adatto ad ospitare frutta e verdura. L’umidità è un fattore importante per mantenere al meglio frutta e verdura. La frutta e la verdura acquistati nei packing di plastica devono essere necessariamente prelevati dalla confezione poiché questa rende difficile il passaggio di ossigeno.

Ci sono poi alcuni vegetali che non possono essere riposti nello stesso contenitore come ad esempio le banane insieme alle arance. Le banane rilasciano un gas naturale, l’etilene che accelera la maturazione delle arance. Le mele o le banane hanno questa particolare proprietà e non possono essere collocate insieme ai cetrioli, ai peperoni, alle more, ai limoni, alle melanzane e all’uva.

Congelatore

All’interno del reparto congelatore vanno posizionati tutti quegli alimenti che si intende conservare per un tempo più lungo rispetto a quello riportato sulla confezione. La temperatura ideale del freezer è compresa tra i -10° C e i -20° C. Tuttavia non tutti i congelatori offrono la possibilità di regolare il termostato in un range compreso tra questi valori. Per questa ragione è opportuno controllare sempre il tempo di congelamento consentito relativo ad un determinato alimento, in base alla temperatura della propria cella freezer.

Alimenti che non vanno posizionati in frigorifero

Esistono tantissimi alimenti rientranti in questa categoria. Si tratta dei cibi che non dovrebbero essere riposti in frigorifero ma tenuti sempre a temperatura ambiente poiché il freddo potrebbe rovinarne la composizione e alterarne il sapore. Questi cibi sono:

  • Patate
  • Pomodori
  • Avocados
  • Aglio
  • Cipolle

L’aglio e la cipolla sono prodotti che necessitano di un ambiente secco. Temono l’umidità che è concausa di una proliferazione di muffa.

E’ importantissimo conoscere la differenza tra un alimento surgelato e uno congelato. Un alimento surgelato è un alimento che passa repentinamente dalla temperatura ambiente alla temperatura di circa -18°C. La congelazione è un processo graduale che prevede un abbassamento di temperatura che parte dalla temperatura ambiente e giunge progressivamente ad una temperatura compresa tra i -7°C e i -12°C. Quando si acquista un prodotto è bene tenere a mente questa differenziazione: durante la fase di scongelamento il prodotto alimentare in questione è esposto ad un’alterazione microbiologica.

Vano superiore Vano centrale Vano inferiore Vaschetta inferiore Porta frigo Freezer
Latticini, Yogurt, burro Pesce, uova Carni Verdure e frutta (separati possibilmente) Conserve, salse Alimenti congelati e surgelati

L’importanza delle scadenze

Esistono due tipologie di etichette che designano la durata di un alimento. La scadenza di un particolare cibo si riferisce all’integrità organolettica del prodotto; superata questa il prodotto può causare anche disturbi. La differenza tra la dicitura “Da consumarsi entro” e la dicitura “Da consumarsi preferibilmente entro” risiede nel fatto che la prima indica una certa importanza nel rispetto della data: oltre questa, il produttore dell’alimento mette in guardia da possibili problemi di salute derivanti dal suo consumo. Consumare un prodotto oltre la data di scadenza riportata su un prodotto che mostra la dicitura “preferibilmente” non espone invece ad alcun rischio microbiologico. E’ comunque importantissimo tenere in considerazione l’odore e il colore degli alimenti e assicurarsi che questi siano inalterati.


6963 6579 8898 6899 6795 6629 6592 6557 7255 6756
Back to top
Scelta Frigorifero